tredy.com  
prenota
 
ricerca | AIUTO private Aggiungi la Tua Struttura

Appartamenti a Sorrento, Costiera Amalfitana e Positano per la Tua Vacanza

English   Italiano   Deutsch   Francaise

 
 
dal
     
dal al
     
al
 
  • Siete in: Home » musei » MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE - Paestum - Salerno -

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE - Paestum - Salerno -

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE  - Paestum - Salerno -

Il Museo Archeologico Nazionale di Paestum, inaugurato nel 1952, nacque dal bisogno di dare decorosa sistemazione all’imponente ciclo scultorio rappresentato dalle scoperte dello Heraion del Sele. Un ampliamento si ebbe nel 1970 per far posto al gran numero di tombe dipinte che furono scoperte tra il 1968 ed il 1969; sicché possiamo ora distinguere alcuni nuclei principali:

a) le metope arcaiche sistemate all’altezza ritenuta originaria dagli scopritori e la sala accanto in cui si trovano le metope del tempio maggiore del Sele con altri frammenti architettonici in pietra dallo stesso tempio oltre ad alcune metope di edifici non identificati;

b) la galleria al piano terra dopo l’ingresso con i materiali votivi dal Sele (lato sud, a destra entrando) ed una scelta di corredi della necropoli (corridoio opposto all’ingresso e quello successivo a sinistra dell’ingresso);

c) galleria superiore con una scelta di materiali in ordine cronologico dalla necropoli del Gaudo (II millennio a.C.) fino alla città romana; d) gallerie successive alla sala metope del tempio maggiore, dove si troverà una scelta delle tombe dipinte del IV secolo a.C. ed, in fondo, la sala in cui è esposta la Tomba del Tuffatore (V secolo a.C.)

TOMBA DEL TUFFATORE

La sepoltura, appartenente ad un individuo di sesso maschile, è come gran parte delle deposizioni coeve, del tipo a cassa, formata da quattro lastre di travertino e lastrone unico di copertura. L’eccezionalità della sepoltura è costituita dalle pitture che decorano le quattro pareti e la lastra di chiusura, rispettivamente con scene di banchetto e raffigurazione di un personaggio ritratto nell’atto di tuffarsi da un alto pilastro in blocchi in uno specchio d’acqua, da cui appunto deriva il nome la sepoltura. La rappresentazione del banchetto è un’esaltazione delle pratiche conviviali, care all’aristocrazia greca, insieme al canto, alla musica, alle attività sportive; in altra chiave deve, invece, essere letta la scena del tuffo, che simbolicamente rappresenta il passaggio dalla vita alla morte, reso attraverso il salto nell’ignoto per eccellenza, l’Okeanos, che si estende al di là del mondo conosciuto, espresso nei suoi limiti dalle colonne d’Ercole, ravvisabili qui nel pilastro da cui il giovane si lancia.
Le pitture sono state realizzate da due diversi artigiani e rivelano nella comune tecnica a contorno marcato ed ampie campiture di colore, numerose incertezze e ripensamenti nell’esecuzione. Il corredo che accompagna il defunto è costituito oltre che da una lyra, strumento musicale a corde, che utilizza come cassa armonica il guscio di una tartaruga, da una lekythos che, insieme alle pitture, contribuisce a datare con precisione la sepoltura al 480/470 a.C. E’ questo, dunque, il solo esempio di pittura funeraria che si conosca a Paestum per il V secolo a.C.

 
archivio musei
MAPPA D'ITALIA
cartina italia
Abruzzo
Calabria
Emilia Romagna
Lazio
Lombardia
Molise
Puglia
Sicilia
Trentino A. Adige
Valle d'Aosta
Basilicata
Campania
Friuli V. Giulia
Liguria
Marche
Piemonte
Sardegna
Toscana
Umbria
Veneto
AREA RISERVATA
STRUTTURE RICETTIVE
strutture Login
Aggiungi la Tua Struttura
AGENZIE DI VIAGGIO
Agenzie di viaggio Login
Affiliazione
SITI WEB
website Login
Affilia il tuo sito web

BENVENUTI IN TREDY
RICETTA ITALIANA DEL GIORNO
TRENETTE AL PESTO - Pasta - Specialità della Liguria
TRENETTE AL PESTO - Pasta - Specialità della Liguria

In una grossa pentola far cuocere le patate con acqua e sale, quando saranno quasi cotte aggiungere i fagiolini. Nel frattempo frullare insieme il basilico, il parmigiano, i pinoli, uno spi ... continua

Vai alle ricette italiane
MUSEO DEL GIORNO
PALAZZO PITTI - Firenze
PALAZZO PITTI - Firenze

Lo splendido edificio fu progettato verso la metà del ‘400 da Filippo Brunelleschi per Luca Pitti, ricco mercante fiorentino. La costruzione originale constava di tre piani a bugnato per una larghezz ... continua

Vai ai musei d'Italia
ascolta l'intervista di tredy.com su radio24
LE DESTINAZIONI PIÚ RICHIESTE
Alessandria, Altopiano Delle Rocche, Aosta, Assisi, Asti, Bari, Brescia, Capo Vaticano, Capri, Catanzaro, Chianti, Cilento, Cinque Terre, Costa Delle Marche, Costiera Amalfitana, Dolomiti, Elba, Firenze, Gargano, Ischia, Isole Egadi, Isole Eolie, Lago Di Como, Lago Di Garda, Langhe Piemonte, Lecce, Lucca, Lunigiana, Macerata, Mantova, Maremma Toscana, Monferrato, Montepulciano, Napoli, Perugia, Pesaro Urbino, Pisa, Pistoia, Positano, Prato, Procida, Riviera Adriatica, Riviera Dei Fiori, Riviera Del Conero, Riviera Delle Palme, Roma, Salento, Salerno, San Gimignano, Sardegna, Sicilia, Siena, Sorrento, Terni, Torino, Treviso, Val Gandino, Valtiberina Toscana, Veneto, Venezia, Viterbo
Utenti affiliati | Amministrazione | Pwd | Chi siamo | Regioni | Gallerie fotografiche | Mappa del sito