tredy.com  
prenota
 
ricerca | AIUTO private Aggiungi la Tua Struttura

Appartamenti a Sorrento, Costiera Amalfitana e Positano per la Tua Vacanza

English   Italiano   Deutsch   Francaise

 
 
dal
     
dal al
     
al
 
  • Siete in: Home » Toscana » Pisa


VISITARE PISA

« tutte le regioni

PIAZZA DEI CAVALIERI

Piazza dei Cavalieri

Piazza dei Cavalieri a Pisa si trova sul luogo dell'antico foro romano della città di Portus Pisanus. La piazza era il cuore politico della Pisa medievale, luogo di celebrazioni e discussioni; qui venne proclamata la fine dell'indipendenza della città da un emissario di Firenze nel 1406. Ricostruita nel Rinascimento da Giorgio Vasari per Cosimo I de' Medici, la piazza si arricchì fra l'altro della Chiesa di Santo Stefano, l'unica rinascimentale della città, tempio del Santo Ordine Militare dei Cavalieri di Santo Stefano. Essa contiene gli stendardi presi ai Turchi durante la battaglia di Lepanto del 7 ottobre 1571. Il maggior edificio della piazza è il Palazzo della Carovana, sede dei Cavalieri di Santo Stefano, fu ristrutturato in stile rinascimentale da Vasari ed oggi domina la piazza dietro alla statua di Cosimo I. La facciata è decorata a sgraffito e contiene due nicchie con busti di Granduchi di Toscana. Oggi il palazzo è sede della Scuola Normale Superiore di Pisa. Accanto al Palazzo della Carovana si trova il Palazzo dell’ Orologio, che si dice edificato sul luogo dove fu tenuto prigioniero il conte Ugolino della Gherardesca.

torna su

 

PIAZZA DEI MIRACOLI

Piazza dei Miracoli

La Piazza dei Miracoli, nome con cui è nota Piazza del Duomo, è il centro artistico e turistico più importante di Pisa. Annoverata fra i Patrimoni dell'Umanità dall' UNESCO dal 1987, vi si possono ammirare i monumenti che formano il centro della vita religiosa cittadina, detti appunto miracoli (da Gabriele d'Anunzio) per la loro bellezza e originalità: la Cattedrale il Battistero, il Camposanto, e la torre pendente. La piazza, ricoperta nel secolo scorso da un grande prato, è pedonalizzata. La collocazione eccentrica, nell'angolo nord-ovest delle mura, che la delimitano lungo due lati, si deve alla necessità di costruire su terreno non occupato. Il suo mantenimento, insieme a quello del complesso monumentale, è affidato all'Opera primaziale pisana.

torna su

 

DUOMO SANTA MARIA ASSUNTA

Duomo Santa Maria Assunta

Il cuore del complesso è il Duomo di Santa Maria Assunta, la cattedrale medievale. Cominciata nel 1064 dall'architetto Buscheto, ha dato origine al distintivo stile Romanico Pisano. La ricchissima decorazione comprende marmi multicolori e vari mosaici. Gli archi a profilo acuto fanno riferimento ad infuenze musulmane e del meridione d'italia, soprattutto la seconda Abbazia di Montecassino. La porta principale in bronzo massiccio fu fusa nella bottega del Giambologna, ma anticamente i visitatori entravano nel Duomo attraverso la Porta di San Ranieri, di fronte alla Torre Pendente. L'interno è rivestito di marmi bianchi e neri, ha un soffitto a cassettoni dorati, alcuni affreschi. Fu ampiamente ridecorato dopo un incendio del 1595, che distrusse la maggior parte delle opere medievali; furono aggiunti allora gli altari laterali e i grandi dipinti lungo le pareti delle navate laterali. L'impressionante mosaico absidale, del Cristo in Maestà, affiancato dalla Vergine e da San Giovanni Evangelista, che fu completato da Cimabue nel 1302, sopravvisse comunque all'incendio. La cupola in legno, all'intersezione della navata e del transetto, dall'inusitato profilo ellittico, fu decorata da Riminaldi con l'Assunzione della Vergine. L'edificio, come la torre campanaria, è sprofondato percettibilmente nel suolo, e alcuni dissesti nella costruzione sono ben visibili, come le differenze di livello tra la navata di Buscheto e il prolungamento ad opera di Rainaldo.

torna su

 

TORRE PENDENTE

Torre Pendente

La Torre di Pisa è la più famosa torre pendente del mondo, oltre a un monumento universalmente noto. Iniziata nel 1173, cominciò a inclinarsi sul lato prima che fosse completato il terzo piano (1274), per via del suolo di limo sabbioso sul quale poggiano le fondamenta poco profonde, di solo tre metri. La costruzione continuò comunque fino al completamento nel 1350, quando fu ultimata la cella campanaria e vi furono poste le sette campane, essendo la torre il campanile della cattedrale. Sei degli otto piani sono circondati da una loggetta con archi a tutto sesto, che riprendono il motivo della facciata della cattedrale. L'altezza è di 54 metri e mezzo, la pendenza di circa cinque metri ripsetto alla verticale nel punto più alto. In seguito ai restauri della fine del Novecento, che ne hanno assestato al pendenza, è stata riaperta al pubblico, seppure con un accesso limitato e controllato.

torna su

 

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI

Battistero di San Giovanni

Il Battistero, dedicato a San Giovanni Battista, s'innalza di fronte alla facciata ovest del Duomo. L'edificio fu iniziato a metà del XII secolo. Sostituisce un precedente battistero, più piccolo, che si trovava a sud della Cattedrale. La nuova collocazione e le grandi dimensioni sono ispirate al Battistero di Firenze. Fu costruito in stile Romanico da un architetto che si firma "Diotisalvi magister" in un pilastro all'interno dell'edificio. Presenta una curiosa cupola troncoconica, come quella della chiesa dei Templari a Pisa, che copre solo il giro interno di pilastri (la tecnica costruttiva per una cupola emisferica o poligonale di grandi dimensioni, come a Firenze, era quasi ignota) che in epoca posteriore fu mascherata da una cupola emisferica. Rimase incompiuto fino al XIV secolo, quando la loggia, il piano superiore e la cupola furono terminati in stile Gotico da Nicola Pisano e il figlio Giovanni. È il più grande battistero in Italia: la sua circonferenza misura 107.25 metri. L'interno, sorprendenemente semplice e privo di decorazioni, ha inoltre un' eccezionale acustica. Spicca il pulpito, scolpito fra il 1255 e il 1260 da Nicola Pisano. Le scene sul pulpito e specialmente la figura dell'Ercole nudo mostrano bene come l'influsso classico rendesse Nicola una precursore del rinascimento.

torna su

 

CAMPOSANTO

Camposanto

Il Camposanto monumentale si trova al limite nord della Piazza. Si tratta essenzialmente di un cimitero cinto da mura. Si dice che il Camposanto sia nato intorno ad uno strato di terra portato dalla Terrasanta via nave dopo la Seconda Crociata dall'arcivescovo Ubaldo de' Lanfranchi nel XII secolo. La sua struttura, iniziata nel 1278 da Giovanni di Simone, è quella di un chiostro oblungo in stile gotico fiorito, che però non fu completato fino al 1464. Il muro esterno è composto di 43 archi ciechi con due porte. I muri erano una volta affrescati: il primo affresco fu eseguito nel 1360, l'ultimo circa tre secoli più tardi. Le Storie dell'Antico testamento di Benozzo Gozzoli (XV secolo) si trovavano nella galleria nord, mantre quella sud era famosa per le Storie della Genesi di Piero di Puccio (fine del XV secolo). L'affresco più interessante è il realistico Trionfo della Morte, opera di Buonamico Buffalmacco, ma a lungo ritenuto di attribuzione incerta, tanto che le didascalie degli affreschi ancora riportano come autore un anonimo Maestro del Trionfo delle Morte. Il 27 luglio 1944 bombe incendiarie alleate incendiarono il tetto del camposanto e danneggiarono gli affreschi in modo gravissimo. Dal 1945 ad oggi sono ancora in corso lavori di restauro, che fra l'altro hanno portato al recupero delle preziose sinopie oggi esposte nel Museo delle Sinopie, situato negli edifici del lato sud della piazza.

torna su

 
MAPPA D'ITALIA
cartina italia
Abruzzo
Calabria
Emilia Romagna
Lazio
Lombardia
Molise
Puglia
Sicilia
Trentino A. Adige
Valle d'Aosta
Basilicata
Campania
Friuli V. Giulia
Liguria
Marche
Piemonte
Sardegna
Toscana
Umbria
Veneto
AREA RISERVATA
STRUTTURE RICETTIVE
strutture Login
Aggiungi la Tua Struttura
AGENZIE DI VIAGGIO
Agenzie di viaggio Login
Affiliazione
SITI WEB
website Login
Affilia il tuo sito web

BENVENUTI IN TREDY
RICETTA ITALIANA DEL GIORNO
PANETTONE - Dolce di Milano
PANETTONE - Dolce di Milano

Fai sciogliere il lievito in un po' d'acqua tiepida, mescolala con 75g di farina, forma una palla, con la punta di un coltello, fai una croce sulla parte superiore e lasciala riposare per c ... continua

Vai alle ricette italiane
MUSEO DEL GIORNO
MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE  - Reggio Calabria
MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE - Reggio Calabria

Il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria comprende importanti e ricche collezioni archeologiche riguardanti la Calabria. Il Museo ospita le raccolte costituite con gli scavi condotti dalla vecchia Soprintendenz ... continua

Vai ai musei d'Italia
ascolta l'intervista di tredy.com su radio24
LE DESTINAZIONI PIÚ RICHIESTE
Alessandria, Altopiano Delle Rocche, Aosta, Assisi, Asti, Bari, Brescia, Capo Vaticano, Capri, Catanzaro, Chianti, Cilento, Cinque Terre, Costa Delle Marche, Costiera Amalfitana, Dolomiti, Elba, Firenze, Gargano, Ischia, Isole Egadi, Isole Eolie, Lago Di Como, Lago Di Garda, Langhe Piemonte, Lecce, Lucca, Lunigiana, Macerata, Mantova, Maremma Toscana, Monferrato, Montepulciano, Napoli, Perugia, Pesaro Urbino, Pisa, Pistoia, Positano, Prato, Procida, Riviera Adriatica, Riviera Dei Fiori, Riviera Del Conero, Riviera Delle Palme, Roma, Salento, Salerno, San Gimignano, Sardegna, Sicilia, Siena, Sorrento, Terni, Torino, Treviso, Val Gandino, Valtiberina Toscana, Veneto, Venezia, Viterbo
Utenti affiliati | Amministrazione | Pwd | Chi siamo | Regioni | Gallerie fotografiche | Mappa del sito